Del fecondo ed intenso rapporto tra cinema e musica, ne è esempio questo capolavoro del cinema muto italiano che fu definito “un’opera-film”. "Frate Sole, infatti, rivoluzionò la musica da film grazie al compositore Luigi Mancinelli.

Il prezioso lavoro di recupero dell'unico positivo originale esistente – restaurato dalla Fondazione Cineteca Italiana – ci consente oggi di presentare un film che va apprezzato innanzitutto per la sorprendente capacità di sottrarsi alle facili tentazioni della retorica e dell'agiografia. La vita del santo è mostrata per una successione di quadri che si rifanno chiaramente alla grande pittura del '3 e '400 italiano, e che di questo patrimonio ereditano non soltanto la ricchezza figurativa, ma anche l'immediata capacità di comunicazione.
Caso più unico che raro, “Frate Sole” possiede inoltre la peculiarità di avvalersi - e di avvalorarsi - di una colonna sonora che oltre all’orchestra prevede il coro.

FRATE SOLE
Versione restaurata 1998
(In collaborazione con Cineteca di Milano)
Musica di Luigi Mancinelli

Regia: Ugo Falena, Mario Corsi
Soggetto e Sceneggiatura: Mario Corsi
Musica: Luigi Mancinelli
Scenografia: Camillo Innocenti
Costumi: Duilio Cambellotti
Produzione: Tespi Film (Roma)
Paese: Italia
Interpreti: Umberto Palmarini, Silvia Malinverni, Rina Calabria, Lucienne Myosa, Bruno Emanuel Palmi, Filippo Ricci
Colore: imbibito (bianco e nero)
Anno: 1918 (Restauro: Fondazione Cineteca Italiana, 1998)
Durata: 70 minuti
Orchestra / Coro