GIOELE MUGLIALDO E L’ORCHESTRE PHILARMONIQUE DE MONTECARLO

con Nessun commento

[…] Per un tal capolavoro l’Orchestre Philarmonique de Montecarlo ha trovato in Gioele Muglialdo una guida sapiente, appassionata, capace di restituire alla sincronizzazione delle immagini gli accenti e i rubati delle volute musicali governando con intelligenza l’imponente complesso orchestrale monegasco. L’ Accoglienza calorosissima con numerose chiamate al proscenio e standing ovation hanno riconosciuto a Gioele Muglialdo e alla Philarmonique de Montecarlo il merito di aver riscoperto per noi un chef d’oeuvre […]

gliamicidellam usica.net - Copia (2)

GIOELE MUGLIALDO E L’ORCHESTRE PHILARMONIQUE DE MONTECARLO

“Fra le braccia e il pensiero mediatore è il cuore del direttore d’orchestra”

(intervento di Denia Mazzola Gavazzeni)

A Montecarlo, nella splendida Salle Garnier, nell’ambito della stagione sinfonica 2015/16 proposta dalla gloriosa Orchestre Philarmonique de Montecarlo, una serata insolita per programma, fortunatissima e profumata per l’esito, ha incantato, lo scorso 11giugno, gli spettatori presenti alla prima rappresentazione in Monaco di “Metropolis“. Capolavoro assoluto di Fritz Lang , il film, concepito nel 1927 sulla magnifica colonna sonora composta dal tedesco Huppertz, racconta di un mondo capitalistico all’estremo, nell’annientamento dell’uomo sotto il peso insopportabile della macchina. Racconta dell’insensibilità della logica del puro profitto, di quanto il mondo di colui che realizza con le proprie mani la ricchezza sia impietosamente scollegato dalla mente di colui che la ricchezza progetta. La musica di Huppertz, significativa in ogni momento del racconto, ha riminiscenze wagneriane ma anche straussiane e pucciniane; essa è sontuosa: l’arcata della frase ampia, il respiro eloquente nella perfetta sincronizzazione col fotogramma. Le immagini, affascinanti e scolpite nella magia del bianco e nero, ci restituiscono una scienza recitativa degli attori unica nella suggestione e espressività dei volti. Nella storia raccontata da Lang/Huppertz L’amore salverà il mondo del profitto che, altrimenti destinato a crollare su sè stesso, porta in salvo le schiere di bimbi soffocati nei sotterranei della Torre di Babele. Per un tal capolavoro l’Orchestre Philarmonique de Montecarlo ha trovato in Gioele Muglialdo una guida sapiente, appassionata, capace di restituire alla sincronizzazione delle immagini gli accenti e i rubati delle volute musicali governando con intelligenza l’imponente complesso orchestrale monegasco. L’ Accoglienza calorosissima con numerose chiamate al proscenio e standing ovation hanno riconosciuto a Gioele Muglialdo e alla Philarmonique de Montecarlo il merito di aver riscoperto per noi un chef d’oeuvre, altrimenti sepolto negli archivi delle cineteche storiche.

Denia Mazzola Gavazzeni

(www.gliamicidellamusica.net – 23 giugno 2016)

Leggi la NEWS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *